Humor è coisa séria: humor, psicoterapia e vita quotidiana

Mercoledì 8 agosto dalle ore 18:00 alle ore 20:00
Museo civico di Palazzo della Penna
Palazzo della Penna – Via Podiani, 11, Perugia

L’Associazione Professione Psicologo, che persegue senza scopi di lucro finalità di promozione della cultura psicologica, organizza, con il patrocinio del Comune di Perugia, il giorno 8 agosto 2018 dalle ore 18.00 alle 20.00, presso la sala conferenze di Palazzo della Penna (Salone di Apollo) un incontro dedicato al tema dello humor nella psicoterapia e nella vita quotidiana, denominato “Humor é coisa séria” conversazione con lo psicoanalista brasiliano Abrão Slavutzky, autore di un volume di successo dallo stesso titolo.

L’incontro, aperto alla cittadinanza, vedrà la partecipazione, in qualità di discussant, di autorevoli esponenti della psichiatria e della psicologia clinica umbra.

A proposito del libro:
Questo libro ci presenta un panorama inedito e provocatorio del rivoluzionario potere dell’humour. Risultato di tre decadi di studi, Humor é coisa séria ha la portata di un trattato, ma in nessun momento l’autore si fa tradire dalla seriosità. Il filo conduttore è la leggerezza, e in questo modo Abrao Slavutzky costruisce una storia culturale dell’humour in cui discorre, con uguale maestria, sia sulla saggezza di Don Quixote quanto sulla nascita e lo sviluppo dell’humour infantile. E analizza anche l’humour come scintilla per il sesso, antidoto per l’abbandono e costante minaccia all’autoritarismo.
La ricerca è profonda e documentata, fa salti interpretativi che vanno e tornano da Freud a Woody Allen, da Amleto all’Analista de Bagé [personaggio molto famoso di uno scrittore brasiliano di Porto Alegre, Luis Fernando Verissimo ndr] – il tutto permeato da barzellette o storie divertenti.
Come il lettore scoprirà, Slavutzky aggiunse all’ampia ricerca un pizzico di memoria – e così possiamo accompagnarlo , ancora bambino, quando scopriva la forza liberatoria dei film di Chaplin. L’autore espone anche, a volte in maniera commovente, i suoi propri ostacoli emozionali, il cui superamento attraverso l’humour iniziò a Buenos Aires, passò dal celebre studio di Cyro Martins a Porto Alegre, continuò nel processo continuo di apprendimento con i propri pazienti e risulta ora in quest’opera.
Humor é coisa séria è un libro per qualunque persona che abbia già sentito la fondamentale necessità di sorridere davanti ai problemi e alle tristezza della vita – come fecero gli ebrei che utilizzarono l’humour come risorsa di sopravvivenza nei campi di concentramento nazisti, come ci insegna uno dei capitoli più stimolanti di questo libro. Parafrasando Italo Calvino, uno degli autori preferiti di Abrao Slavutzky: in un mondo pieno di tragedie, dobbiamo identificare quello che, in mezzo al tragico, è tragicomico oppure comico, e conservare l’humour.
“L’humour e la psicoanalisi si assomigliano per quanto riguarda il repertorio delle debolezze umane che trattano: fobie, simulazioni, auto inganni, sindromi, complessi, risentimenti con la madre e altre cose serissime e/o divertentissime”.
Luis Fernando Verissimo